Itinerario Turistico
a cura di: Nuccio Gambera - Carmelo Agnello

Scordia - La Città

 

Scordia - La Città

Pagina Successiva

 

Piazza Umberto I

 

     La Piazza Umberto I (un tempo Piano San Rocco) è il “salotto buono” di Scordia. Essa ha assunto le dimensioni e le caratteristiche attuali in tempi diversi, dal 1628 (anno di inizio dei lavori per la costruzione della Chiesa madre di San Rocco) al 1828, quando, tra l’altro, per conseguire il rapporto che oggi ne regola gli spazi ed i volumi, furono abbattute cinque case e l’antica chiesa di S. Maria della Grazia.

 

     L’elemento architettonico più significativo è costituito dalla Chiesa madre di San Rocco. Costruita subito dopo la concessione della licentia d’habitare al primo principe di Scordia Antonio Branciforte (1628), essa crollò a causa del terremoto del 1693. Ricostruita su progetto di fra Michele della Ferla e riaperta al culto nel 1712, essa presenta una planimetria a croce latina con tre navate, dopo l’ampliamento del transetto con la realizzazione delle due absidi laterali (metà del XIX sec.).

     Vi si conservano affreschi significativi e tele di pregevole fattura.

 

     Sullo stesso lato della chiesa si può osservare il maestoso Palazzo Paolì, che nel suo prospetto principale presenta interventi di epoche diverse (secc. XVIII – XIX), con la parte settecentesca in posizione scenografica al termine di Corso Vittorio Emanuele (a Chiazza).

 

     Al centro della piazza, su gradinate quadrangolari di basalto lavico, s’innalza il Monumento a San Rocco, scolpito su pietra calcarea locale nel 1813 dall’artista palermitano Nicolò Bagnasco. Originariamente sui quattro lati si leggevano, incise su lastre di marmo, altrettanti distici latini composti dal sacerdote Francesco Saverio Puglisi per invocare la protezione del santo dalla peste che nel 1812 mieteva vittime nell’isola di Malta. Oggi quei versi risultano tradotti liberamente in lingua italiana.

 

     Coronano la piazza, dandole l’aspetto di un accogliente salotto cittadino, armoniosi palazzi dell’Ottocento, quali Palazzo Paolì - Migliore e Palazzo Modica. Quest’ultimo, che recentemente è stato acquistato dal Comune, ha avuto l’onore di essere fotografato da G. Verga dalla stazione ferroviaria di Scordia nel 1892.

Chiesa di San Rocco

Palazzo Paolì

Monumento a S.Rocco

Palazzo Paolì - Migliore

Palazzo Modica

 

Scordia - La Città

Pagina Successiva